“Liste di Riserva” per lavorare nelle istituzioni dell’Unione Europea.

    Valutazione attuale: 0 / 5

    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    alt

    Si tratterebbe di una lista di potenziali (futuri) impiegati, funzionari o amministratori da inserire nelle uffici dell’U.E; una volta inserito nell’elenco, toccherà al candidato rimanere attivo prendendo contatto con gli uffici della Commissione o delle altre istituzioni e proponendo il proprio curriculum.

    In buona sostanza, l’inserimento nelle liste non garantisce il futuro posto di lavoro, ma ne accresce la potenzialità: nel momento in cui gli uffici richiedenti decidessero di procedere ad assunzioni, sarebbero tenuti ad attingere prima da tali elenchi.

    Per l’inserimento nelle liste, bisognerà superare alcune prove di selezione che, ovviamente, sono differenti a seconda del profilo professionale prescelto. Al momento sono disponibili 148 posti, di cui 8 posti sono gestiti attraverso l’Era (Agenzia ferroviaria europea) e la Chafea (Agenzia per l’alimentare, l’agricoltura e i consumatori), mentre 140 sono messi a disposizione dall’Espo, (Ente di selezione del personale all’interno dell’Unione europea), suddivisi tra auditori alla Corte dei Conti, amministratori per varie istituzioni e uscieri all’Europarlamento.

    Sono richiesti la cittadinanza di uno Stato della Ue e avere una conoscenza approfondita di una delle lingue ufficiali dell’Unione oltre alla buona conoscenza di una seconda lingua.

    Per maggiori informazioni, sarà buon uso consultare ogni singolo bando che si potrà visionare direttamente sul sito dell’Epso. (redazione MGMI)

    Cerca

    TIROCINI

    © Copyright 2018 . Tutti i diritti riservati ad Azienda Calabria Lavoro P.IVA 02137350803 - TESTATA GIORNALISTICA TELEMATICA ISCRITTA AL REG. DEL TRIB. DI RC AL N. 7/09

    Search